Archivi tag: cucina napoletana

Sapori – Che cosa mangi a Napoli?

C’è solo l’imbarazzo della scelta!

I Napoletani, senz’altro, hanno esportato la cucina locale, divenuta simbolo di tutta l’Italia, in giro per il mondo! E’ molto più che cibo, è cultura, è un viaggio nella tradizione culinaria più buona dell’universo!

napoli-dove-gustare-i-migliori-piatti-di-cucina-napoletana-tradizionale

Tra i primi più famosi, sono obbligata a dirvi del buonissimo ragù, oppure gli spaghetti ca’ pummarola ‘ngoppe (perdonatemi l’eventuale inesattezza), piuttosto che con i frutti di mare.

spaghetti-pomodoro-gennaro-esposito

Approfondisci su: Sapori – Che cosa mangi a Napoli?

Annunci

Tonnarelli con salsicce e cime di rapa

Ingredienti per 4 persone:

  • ½ Kg di tonnarelli di pasta fresca
  • 1Kg di cime di rapa
  • 3 filetti di acciughe
  • ½ Kg di salsicce
  • uno spicco d’aglio
  • peperoncino
  • sale quanto basta
  • olio quanto basta

Preparazione

Pulire le cime di rapa,bollirle per circa tre minuti in un pentola abbastanza capiente alzarle con una schiumarola conservando l’acqua di cottura. In casseruola far soffriggere l’aglio l’olio aggiungendo i filetti di acciuga ed in fine il peperoncino possibilmente fresco, sbriciolare la salsiccia ed aggiungerla al soffritto lasciandola cuocere, nel frattempo con l’acqua di cottura delle cime di rapa cuocere i tonnarelli, nella casseruola con le salsicce aggiungere le cime di rapa tenendo da parte alcune cime per la guarnizione della pietanza e farli “pappoliare”(sobollire) per circa cinque minuti aggiustandoli di sale quando i tonnarelli sono cotti colarli e saltarli nella casseruola insieme alle cime di rapa, adagiarli in un piatto di portata e porre lungo l’orlo del piatto le cime che avevamo lasciato aggiungere un filo di olio di oliva a crudo,servire subito.

Insalata di Rinforzo

Ingredienti

  • 1/4 di olive bianche e nere
  • 1 cavolfiore
  • 100 gr. di acciughe
  • 200 gr. di sott’aceti
  • sale
  • olio
  • 1 bicchiere di aceto

Preparazione

Pulire il cavolfiore, tagliarlo a pezzetti e scaldarlo in acqua, aceto e sale per 20 minuti.
Quando il cavolo si è raffreddato
 metterlo in una piatto largo e fondo, con il sale, olio, sott’aceti,
le acciughe e le olive.


Se lo preparate qualche ora prima prende ancora meglio il sapore.

Il risultato dovrebbe essere questo: